Posted by on Giu 29, 2012 in TESTIMONIANZE | 0 comments

“.. Quando mi chiedono cosa mi è rimasto impresso di questo viaggio rispondo: gli occhi e l’affetto incondizionato”

Fin da quando sono piccola porto nel cuore l’Africa. Finalmente quest’anno sono riuscita ad affrontare questa grande esperienza. Sono partita per la Repubblica Centrafricana il 6 Luglio 2008. Sapevo a cosa andavo incontro, sapevo della povertà, sapevo delle condizioni di igiene precaria e delle malattie. Ma viverle è tutta un’altra storia view website. Quando mi chiedono cosa mi è rimasto impresso di questo viaggio rispondo: gli occhi e l’affetto incondizionato. Gli occhi dell’Africa sono gli occhi della sofferenza, della malattia e dell’amore. Sono partita con l’idea di fare del bene, di aiutare, e sono tornata con la consapevolezza di essere stata aiutata e di aver ricevuto affetto e benedizioni. Ogni singolo sguardo che ho incrociato mi ha dato qualcosa, che porterò sempre con me e che mi sta aiutando a crescere. Le visite agli orfanotrofi di Bangui e Berberati sono state delle esperienze straordinarie, e ringrazio il Signore per l’opportunità che mi è stata donata. Ho visto come, nonostante tutto, esista una speranza per quei bambini, bambini che non hanno nulla, ma che donerebbero anche l’anima se potessero. Ho avuto perfino la possibilità di conoscere dei bambini sostenuti da membri della mia comunità a Mestre!Quello che Sos Terzo Mondo sta portando avanti è una progetto che appoggio completamente e che voglio contribuire a realizzare. Ho 21 anni e sono troppo giovane per smettere di sognare, quindi voglio continuare a credere che c’è un futuro migliore per i miei fratelli in Africa!